Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine 

 

9 SETTEMBRE

SAN SERGIO ( m ) 
papa

 

Nato a Palermo, si trasferì ancor giovane a Roma ed entrò nel clero romano.
Ordinato sacerdote nel 683, fu eletto papa alla fine del 687. 
Si dedicò alacremente al governo della Chiesa riuscendo a comporre lo scisma 
istriano che durava da un secolo e mezzo e dimostrando 
grande fortezza d'animo nel conflitto con Bisanzio 
per la questione del Concilio Trullano del 692.
L'imperatore tentò persino di tradurlo prigioniero a Costantinopoli. 
Continuò l'impegno dei suoi predecessori per la evangelizzazione 
dell'Inghilterra e dei Frisoni.
A lui si deve la introduzione dell' Agnus Dei nella Messa.
Morì l'8 settembre 701.



                                                LODI MATTUTINE


Dal Comune dei pastori ( papi )con salmi e antifone del giorno del salterio


V.
O Dio, vieni a salvarmi.
R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

Inno

Maestro di Sapienza
e padre della fede,
tu splendi come fiaccola
nella Chiesa di Dio.

In te il divino Spirito
dispensa con amore
il pane e la parola
sulla mensa dei piccoli.

Tu illumini ai credenti
il mistero profondo
del Verbo fatto uomo
per la nostra salvezza.

Tu guidaci alla vetta
della santa montagna,
dove i miti possiedono
il regno del Signore.

A te sia lode, o Cristo,
immagine del Padre,
che sveli nei tuoi santi
la gioia dell'amore. Amen.

Antifona al Benedictus
Conferì splendore alle feste
abbellì le solennità
facendo lodare sin dal mattino 

il nome santo di Dio.

CANTICO DI ZACCARIA  
Lc 1, 68-79
Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *
perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *
nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *
per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *
e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *
sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Conferì splendore alle feste
abbellì le solennità
facendo lodare sin dal mattino 

il nome santo di Dio.


Invocazioni
 A Cristo, buon pastore, che ha dato la vita per le sue pecorelle, innalziamo con fiducia la nostra preghiera:
O Signore, guida il tuo popolo ai pascoli della vita eterna.

Cristo, che in san Sergio ci hai dato un'immagine viva del tuo amore misericordioso,
- fa' che sperimentiamo in coloro che ci guidano la dolcezza della tua carità.

Tu, che nei tuoi vicari continui a svolgere la missione di maestro e di pastore,
- non cessare mai di governarci tu stesso nella persona dei tuoi ministri.

Tu, che nei santi pastori, posti al servizio del tuo popolo, ti sei fatto medico delle anime e dei corpi,
- fa' che non venga mai meno la tua presenza mediante ministri santi e santificatori.

Tu, che hai animato i fedeli con la sapienza e la carità di sant'Agatone,
- fa' che i predicatori del Vangelo ci aiutino a conoscerti e ad amarti come vuoi tu.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.
 
Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.


Orazione
Padre, creatore d'unità,
tu che hai chiamato il beato Sergio papa
a servire il tuo popolo per edificarlo con 
il magistero e la santità della vita,
custodisci i pastori della Chiesa
e guida tutti i tuoi figli sulla via
della salvezza.   
Per il nostro Signore Gesù Cristo,
tuo Figlio, che è Dio e vive e regna con te,
nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli.
 

 


Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.
R. Amen.